1000 Miglia Srl utilizza i cookies per migliorare l’esperienza di chi naviga questo sito. Se prosegui la navigazione acconsenti a questo trattamento. Per ulteriori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra “cookie policy”.

Mille Miglia

Il 1987: la mille miglia torna ogni anno

La risposta, è inevitabile, può solo essere una. Dal 1987, la rinascita della Freccia Rossa può dirsi completata: la "corsa di primavera" tornerà tutti gli anni.

Il giorno della punzonatura, Piazza della Vittoria si trasforma in un salotto, dove Bruno Boni, il Sindaco della Mille Miglia ora Presidente della Camera di Commercio, riceve gli ospiti illustri, proprio come in tutte le edizioni del dopoguerra.

Alla partenza, Lorella Cuccarini capeggia le molte star che fanno passerella sulla pedana, rubando i flash dei fotografi al Principe di Kent.

La vittoria arride ad un pilota di Formula 1, Alessandro Nannini, che resterà - fino ad oggi - l'unico pilota professionista ad aggiudicarsi una Mille Miglia.

Il 1988 è considerato l'anno della svolta per la moderna Mille Miglia. Fino l'anno prima, con la cadenza biennale, tutta l'organizzazione viveva su una sorta di volontariato. L'aver reso fisso l'appuntamento consente agli organizzatori di munirsi di una struttura permanente, con collaboratori fissi.

E i risultati si vedono: la nuova Mille Miglia inizia un'ascesa che la porta ad essere, nel suo genere, "la corsa più bella del mondo".

Certamente, le leggendarie gesta delle edizioni di velocità restano uniche e inimitabili, ma Brescia torna ad essere, per tutto il mondo, "la città della Mille Miglia".

Con il successo, arrivano anche gli sponsor e - finalmente - non ci si deve più porre il problema della copertura delle perdite… Tra Automobile Club Brescia e Marva SrL, la società costituita dagli organizzatori, viene sottoscritto un contratto che prevede l'affidamento della Mille Miglia per periodi quadriennali, in cambio di una somma che varierà nel corso degli anni.

Nel 1989, ricordato come l'anno della pioggia ininterrotta, la città è bloccata; Il Presidente della Repubblica Italiana, Francesco Cossiga, assiste alle operazioni di punzonatura.

Gli anni Novanta iniziano sotto il segno della comunicazione: gli operatori dell'informazione che giungono a Brescia da tutto il mondo sono circa 1.500.